Secondo un recente studio, la nausea in gravidanza prevede l’intelligenza che avrà tuo figlio

La nausea in gravidanza secondo uno studio, può determinare l’intelligenza che il bimbo avrà in futuro

Chissà quante donne hanno sofferto di nausea durante la propria gravidanza. Si tratta di un disagio fastidioso, ma sopportabile specialmente se il risvolto della medaglia è quello di avere un bimbo più intelligente.

Uno studio di Irena Nulman dell’Hospital for Sick Children di Toronto, condiviso da The Journal of Pediatrics, come riportato su Ansa, ha rivelato che la nausea in gravidanza a volte è collegata al QI dei bimbi.

Poi, afferma anche che maggiore è l’intensità della nausea, maggiore è l’intelligenza del bimbo in futuro.

Come si è arrivati a questo?

Lo studio è stato condotto dal Sick Children di Toronto e guidato dalla ricercatrice Irena Nulman. Gli studiosi hanno contattato 120 donne che avevano avuto una gravidanza negli dai sette ai tre anni precedenti.

Eseguendo quiz di routine, i ricercatori hanno scoperto che i figlioli delle madri che erano sempre in preda alla nausea durante la gravidanza sembrano avere migliori capacità di linguaggio e memoria.

Quindi pare che più forte sia la nausea durante la gravidanza, più intelligente verrà il bimbo oppure la bimba.

La motivazione sarebbe secondo i ricercatori dovuta alla reazione ad ormoni come la gonadotropina corionica e la tirosina che durante la gravidanza vengono secrete ad alti livelli per conservare la placenta in salute.

È stato ipotizzato a riguardo, che questi ormoni sono più alti nelle donne che al mattino soffrono di nausea.

Generalmente, nausea e sonnolenza nelle donne incinte si verificano dalla fecondazione, sino alla 14° oppure 16° settimana.

Quindi le donne che in gravidanza al mattino stanno male a causa di nausea e vomito, possono consolarsi sapendo che il cervello del proprio figlio si sta formando e, assai verosimilmente, sta sviluppando un alto quoziente intellettivo.

[Credit image: pixabay]

loading...
(790 visite totali, 1 visite giornaliere)