Era stata condannata a morte, il veterinario aveva già preso l’iniezione quando successe l’incredibile!

Chiunque abbia in nessun caso dovuto mettere a dormire per sempre il proprio cane sa quanto sia straziante, un vero e proprio calvario. Ogni tanto, però, facilmente non c’è altro da fare.

Quando la sofferenza dura da troppo tempo, è la cosa più gentile. Ci auguriamo che tu non l’abbia in nessun caso sperimentato personalmente, ma se lo fai, è fondamentale che resti dalla parte del tuo migliore amico sino alla fine.

Nessun cane dovrebbe passare i suoi ultimi attimi sulla terra, spaventato, in compagnia di estranei.

Il cucciolo in questa particolare storia, Starfish, è stato trovata in una scatola, con le gambe piegate in un modo innaturale. La persona che l’ha trovata l’ha portata da un veterinario, dove le è stato detto che sarebbe stato opportuno addormentarla per sempre.

Starfish era stata investita, e perciò non c’era nulla da fare per lei. Il veterinario era restio a fare l’eutanasia, ma il cane stava davvero troppo malissimo. Non era giusto tenerla in vita. Soltanto pochi secondi prima che Starfish venisse sottoposta alla puntura letale, comunque, il capo del rifugio è entrato nella stanza e ha interrotto il procedimento.

Voleva un 2° parere, dunque la cucciola è stata portato da un altro veterinario. Dopo un esame approfondito, è stata data una prognosi più positiva. Starfish era chiaramente nata con una disabilità, “Swimmer Puppy Syndrome”.

Con il giusto aiuto poteva essere guarita totalmente. Invece di essere in grado di camminare come un normale cucciolo, Starfish sembrava più adatta al nuoto. Non passò assai tempo prima che una famiglia la adottò.

“Ci siamo innamorati della cagnolina. Ci ha insegnato qualcosa che non avevamo in nessun caso visto prima “, afferma la proprietaria Leigh Anne Gray. “Non puoi prenderla in braccio come faresti con un cucciolo normale. Devi tenerla di lato, ed è piatta come una frittella. Ma appena l’ho presa non l’ho più lasciata recarsi. “

Fin dall’inizio, l’intera famiglia ha aiutato Starfish nel suo viaggio verso la normalità. Ma non è soltanto Leigh Anne e la sua famiglia a volere che Starfish abbia accaduto. Anche il personale del rifugio per animali l’ha aiutata. “Lei non sa che c’è qualcosa di sbagliato in lei. Si alza e lo fa un’altra volta. E migliora, ogni singolo giorno. “

Dopo soli 2 mesi, Starfish è riuscita a rialzarsi da sola. Presto, correrà come qualsiasi altro cucciolo. È motivazione di orgoglio e gioia per la famiglia vedere il recupero della coraggiosa cagnolina.

Starfish è passata in pochi secondi dalla morte alla vita, e si prospetta per lei il futuro radioso, in cui può presto essere un cane sano e contento.

Fonte: Youtube/The Dodo

loading...
(347 visite totali, 1 visite giornaliere)