Bimbo si perde a 1400km da casa e fa ritorno 25 anni dopo grazie a Google maps

Saroo Brierley ha 38 anni ed grande imprenditore di hotel in Australia

Ma la sua vita prima del accaduto è stata segnata da diversi ostacoli, fra cui la nascita e l’educazione in una famiglia povera in India.

Suo papà li ha abbandonati quando era bimbo e sua mamma Kamla ha dovuto allevare 4 figlioli sola.

Secondo il quotidiano spagnolo La Vanguardia, suo papà ha dovuto lavorare assai duramente come operaio edile per portare davanti i suoi figlioli, ma il suo stipendio era notevolmente basso e c’erano sempre preoccupazioni economiche.

La famiglia si trasferì in un villaggio chiamato Ganesh Talai, ma la circostanza non migliorò tanto.

Per questo motivazione, suo fratello maggiore Guddu (14 anni) andava a lavorare per conquistare più rupie come lavapavimenti nei vagoni dei treni.

Una notte, Saroo ha inisistito per recarsi con il fratello Guddu.

Stanco, il più piccolo decise di attendere il fratello seduto su una panchina, e pochi minuti dopo si addormentò.

Trascorse più o meno mezz’ora e Guddu risvegliò il suo fratellino, gli disse di attendere un’altra adesso perché finisse di lavorare.

Ma fu l’ultima volta che si videro.

Saroo decise di entrare in un vagone per stare più comodo e si addormentó.

Comunque, un rumore orribile lo svegliò un’altra volta, erano le porte automatiche del luogo che era stato chiuso.

Il ragazzo era rimasto intrappolato e la corsa verso il deserto indiano era iniziata.

In un’intervista con la BBC, Brierley ha dichiarato di aver gridato per ore il nome di suo fratello.

Si stima che questo viaggio sia durato 14 ore e il viaggio è stato di 1. 400 chilometri.

Il piccolo era arrivato sino alla città di Calcutta, con più di quattro milioni di abitanti.

Saroo scese e non incontrò nessuno, fu intimidito dalla quantità di persone lì e non aveva niente da mangiare. La disperazione era indiscutibile.

È così che è iniziata la parte più complicato della sua vita.

Avvezzo a risorse limitate, non era protetto e non aveva una direzione chiara.

Ha cominciato una camminata senza destino per le strade della città, coesistendo con la miseria.

Luoghi trasformati in discariche, persone di dubbia reputazione e si nutriva di avanzi.

Non era una vita parecchio diversa da quella che già conosceva, ma non era protetto dalla sua famiglia.

Il pellegrinaggio errante terminò un mese dopo, quando fu condotto in un orfanatrofio per bimbi a Calcutta.

Il luogo era noto per promuovere l’adozione di bimbi indiani all’estero.

2 mesi dopo fu adottato da una coppia australiana, Sue e John Brierley, che lo portarono nell’isola di Tazmania.

E anni dopo aveva una compagna di nome Lisa. Ma i suoi ricordi non gli permettevano di vivere totalmente sereno.

È così che nel 2007 è entrato in un college nella città di Canberra, dove ha incontrato lo strumento chiamato Google Earth.

Il metodo migliore per re-immaginare di essere un’altra volta in India.

Una notte, per facile curiosità, Brierley prese il computer e individuò la stazione a cui era arrivato a Calcutta.

Successivamente ha voluto impostare un percorso dove sarebbe stata la sua città originale.

Ha calcolato la velocità media di un treno indiano, l’ha moltiplicata per 14 ore di viaggio e si è reso conto che il suo villaggio doveva essere in un raggio di 1.200 chilometri da Calcutta. L’ha trovato. «È stato un colpo: bang. In una foto ho visto le cascate dove giocavo da bambino. Mi è esploso il cuore. Ho seguito lo strada e Google mi ha portato a Khandwa, casa mia».

Finché un giorno si imbatté in un posto che aveva un particolare senso per lui, il suo nome era Ganesh Talai.

“Dopo 5 anni la navigazione con Google Earth, ha trovato Ganesh Talai, l’area dove ho vissuto da bambino”, ha detto in una delle sue memorie.

A trentanni Saroo Brierley, che aveva il conforto dei suoi genitori adottivi e della sua compagna, decise di recarsi in quella città che aveva trovato sulla mappa del computer.

Una volta lì, ha usato una vecchia foto che aveva dell’infanzia per individuare qualche persona rimasta della sua famiglia.

La mamma è la sorella erano ancora vive ma Guddu era deceduto, la sera in cui lui scomparì

La mamma dopo la scomparsa lo ha cercato incessantemente rivolgendosi a guide spirituali e tutti loro le hanno assicurato che era sano e salvo, e la cosa più inaspettato è che quando ha chiesto dove fosse, hanno idoneo il sud.

Saroo ha scritto nel 2013 un libro intitolato “A Long Way Home” (Una lunga strada verso casa) da cui è stato tratto anche il film “Lion – La strada verso casa. ”

La sua depressione e i suoi tormenti svanirono dopo essersi incontrato con la sua famiglia con Dev Patel nei panni di Saroo e Nicole Kidman.

Al momento Saroo Brierley vive in Australia, nonostante non abbia perso i contatti con la sua famiglia biologica, che sostiene finanziariamente

(533 visite totali, 1 visite giornaliere)