Isis brucia vive 19 ragazze curde in Iraq, secondo i media si sono rifiutate di…

CONDIVIDI!!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0

Ancora una volta le vittime scelte dall’Isis sono delle donne. Oggi vi parleremo di un delitto davvero estremo che è avvenuto per opera dei miliziani dell’Isis. Questi ultimi hanno bruciato vive ben 19 ragazze curde, nella piazza di Mosul, in Iraq. Il motivo? È davvero assurdo, non può esistere nessuna motivazione per un fatto simile. Queste donne si erano rifiutate di divenire schiave sessuali dei combattenti jihadisti. A raccontare questa sconvolgente notizia è l’Ara (Kurdish News Agency).

L’esecuzione è stata davvero terribile, le donne, molto giovani, sono state chiuse in una gabbia di ferro e sono state portate nella piazza della roccaforte irachena del Califfato nero. Le donne sono morte per colpa del fuoco ed hanno bruciato davanti a centinaia di presenti. Le 19 donne facevano pare di un più ampio gruppo di yazide rapite dall’Isis nell’agosto del 2014 vicino a Mosul. L’organizzazione delle Nazioni Unite, ha riferito che in totale sono state rapite ben 3.500 donne e molte di queste si trovano ancora tra le mani degli aguzzini del califfo Abu Bakr al Baghdadi.


Isis brucia 19 ragazze curde in piazza a Mosul… di videovirali

Se questo video ti è piaciuto CONDIVIDILO e fallo vedere a tutti. Se ti va puoi lasciarci un commento con le tue opinioni e i tuoi pensieri, cosa ne pensi? Sul nostro sito Supervideone.com puoi trovare tantissime foto e tantissimi video interessanti e divertenti sempre aggiornati, ti basta visitare le varie categorie che puoi trovare sul sito o puoi andare semplicemente a guardare i video consigliati o i più condivisi. Ti ringraziamo per la tua visita, e ti invitiamo a venirci a trovare di nuovo. Rimani sempre aggiornato sui nostri video e le nostre news. Ogni giorno ne puoi trovare di nuovi ed interessantissimi.

(5.461 visite totali, 1 visite giornaliere)
CONDIVIDI!!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.